FILOWEB.it

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Ultimi Inseriti e Suggeriti

Luoghi

Luoghi:Museo Gianni Caproni


Luoghi:Museo Gianni Caproni
Museo Gianni Caproni
Ricette

Ricette:Raviole di San Giuseppe con la marmellata


Ricette:Raviole di San Giuseppe con la marmellata
Raviole di San Giuseppe con la marmellata
Magazine

Magazine:Adesso niente panico


Magazine:Adesso niente panico
Adesso niente panico
Gallery

Gallery:estate 2017


Gallery:estate 2017
estate 2017(118)
Aerei

Aerei:Convair-B-58-Hustler


Aerei:Convair-B-58-Hustler
Convair B-58 Hustler
Considerazioni

Considerazioni:Bufale Online


Considerazioni:Bufale Online
Bufale Online
Appunti

Appunti:Introduzione a Jquery


jQuery è una libreria di funzioni (framework) Javascript, cross‐browser per le applicazioni web, che si propone come obiettivo quello di semplificare la programmazione lato client delle pagine HTML. Tramite l'uso della libreria jQuery è possibile, con poche righe di codice, effettuare svariate operazioni, come ad esempio ottenere l'altezza di un elemento, o farlo scomparire con effetto dissolvenza. Con Jquery è possibile usare il framework in tutti progetti senza paura di incappare in incompatibilità nel codice. Infatti, utilizzando la funzione jQuery.noConflict() verrà semplicemente rimosso l'alias $, e potremo usare, per esempio, Mootools richiamando questo framewok con $('mioId') e jQuery con jQuery("#mioId"), inoltre jQuery ha un semplice sistema di estensione che permette di aggiungere nuove funzionalità (plugin) oltre a quelle predefinite; la sua diffusione ha fatto in modo che attorno al team di sviluppo ufficiale crescesse una numerosa community che mette a disposizione plugin e supporto di ottimo livello. Infine, e potrebbe sembrare una cosa da poco, perché il motto di jQuery è "Write less, do more", ed effettivamente la sua sintassi sintetica ed efficiente è particolarmente apprezzabile quando si tratta di scrivere svariate linee di codice. jQuery non ha intenzione di sostituire Javascript: il suo scopo è quello di semplificare la vita dei javascripters, consentendo di scrivere meno codice e, al contempo, ottenere risultati elevati difficilmente ottenibili programmando "a mano" i propri script.
Introduzione a Jquery
Curiosità

Curiosità:Eva-non-offrì-ad-Adamo-una-mela


“Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò” (Genesi, 3: 6). 
La Bibbia racconta che Adamo ed Eva mangiarono il frutto dell’albero della conoscenza del Bene e del Male, contravvenendo alla proibizione di Dio. Per questa ragione i due furono scacciati dall’Eden, perdendo i privilegi di cui godevano al momento della creazione. La decisione di mordere questo frutto fu dunque il “peccato originale” in conseguenza del quale Dio condannò per sempre l’uomo a un’esistenza difficile, degradata dal punto di vista morale, fisico e spirituale. 
Nel testo, però, non è specificato di quale frutto si trattasse. Molti commentatori hanno ritenuto che fosse un fico, anche perché, poche righe più avanti, la Bibbia riferisce che, appena Adamo ed Eva “si accorsero di essere nudi, intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture” (Genesi, 3: 7). 
Altri hanno ipotizzato che si trattasse di un grappolo d’uva, di un cedro o di un melograno. L’identificazione dell’albero con un melo avvenne solo durante il Medioevo, forse per via di un’assonanza presente nella lingua latina, in cui malum è sia il male sia la mela: l’albero della conoscenza del male può essere diventato, per un errore di traduzione, un melo.
Una svista, o un’interpretazione, che poi ebbe molta fortuna, coinvolgendo anche altre espressioni linguistiche: il “pomo d’Adamo”, ovvero la sporgenza della cartilagine nel collo frequente negli uomini dopo la pubertà, è detto così con riferimento al “peccato” reso possibile dalla maturità sessuale. 
La scelta della mela fu aiutata dalla tradizione: la simbologia della mela è presente in molte altre culture. Nei miti greci, dove una mela è il frutto che Paride dà in premio ad Afrodite designandola la più bella tra le dee dell’Olimpo; ma anche nell’iconografia medioevale, dove accanto al melograno è simbolo di fertilità. Dalla tradizione biblica la mela passò a sua volta fuori dall’ambito sacro: fu una mela posta sulla testa del figlio quella che Guglielmo Tell, leggendario eroe svizzero, dovette colpire con una freccia; ed è con una mela che la strega cattiva avvelena Biancaneve nella favola dei fratelli Grimm. Una continuità che arriva fino alla mela come simbolo di New York, ma anche della casa discografica fondata dai Beatles e all'Apple: la mela morsicata, secondo alcuni simbolo di conoscenza.
Eva non offrì ad Adamo una mela
Tutorial

Tutorial:Iframe ad altezza variabile


Premetto che non sono un amante degli iframe (non più almeno) perché oltre ad essere deprecati nell’HTML5 fanno sembrare il sito più vecchio di almeno 6-7 anni dando un’idea di poca professionalità. Inoltre gli iframe sono stati creati per visualizzare pagine esterne al proprio sito web, all'interno dello stesso anche se spesso sono stati usati in maniera errata. Quindi si se si vogliono usare per includere pagine esterne, no per quelle interne meglio usare altri metodi come include, o jquery).

Dopo questa lunga e doverosa premessa passiamo ai fatti. Chi usa il tag iframe spesso ha la necessità di adattarne l’altezza in base al contenuto che viene caricato. I metodi che si trovano in rete sono molti ed io voglio qua proporre la mia personale soluzione in pochissime righe di codice: leggo l’altezza dell tagdel contenuto che carico e tramite jquery assegno l’altezza all’ iframe.
Certo posso scegliere anche il tago altro ma in questo mio esempio preferisco usarevisto che tutto il contenuto visibile in una pagina è racchiuso lì dentro.

Definiamo lo stile per il nostro iframe tramite css:
#mioiframe { width:100%; border:#293343 1px solid; height:300px; }

Scriviamo il nostro iframe.

<iframe src="pg.html" id="mioiframe" class="mioiframe" scrolling="no" frameborder="0" name="contenuto" onload="caricato()"></iframe>

Definiamo il nostro script che verrà chiamato al caricamento del contenuto dell’iframe:
function caricato() {
var mioif = $("#mioiframe").contents().find("body");
var h = mioif.height();
$("#mioiframe").height(80+h+"px");
};

Infine la chiamata alle pagine:

 <a href="pg1.html" target="contenuto" class="menu"> pagina 1 </a>
<a href="pg2.html" target="contenuto" class="menu"> pagina 2 </a>


Come si vede è tutto molto semplice, veloce e leggero…

Iframe ad altezza variabile

Contenuti


↑ Top ↑


FB TW G+ whatsapp RSS FEED

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Filoweb Filoweb.it it filoweb è il sito personale di Filippo Brunelli, conattare il gestore per info it filoweb it filoweb Filoweb Filoweb.it itfiloweb è il sito personale di Filippo Brunelli, conattare il gestore per info it filoweb it filoweb