Filoweb.it
Voglia Di Vintage: Il Ritorno Del Vecchio C64


FB TW whatsapp RSS FEED News letter
24/5/2022

Voglia Di Vintage: Il Ritorno Del Vecchio C64

Vedi Immagine

È dagli anni ’90 che negli appassionati di computer è nata la voglia di retrò computer e retrò games. All’inizio erano solamente degli emulatori, prima il mitico MAME e poi di vari sistemi operativi che davano (e danno ancora) la possibilità di provare i computer a 8 o 16 bit come il Commodore64, l’MSX, il mitico ZX Spectrum di Sir Clive Marles Sinclair, il Mac Os, l’Amiga e molti altri. Oggi stanno uscendo anche emulazioni hardware come il C64 mini o l’Amiga 500 mini e presto un PC stile C64 con software nuovo e doppio sistema operativo.

Il primo emulatore, un hardware con una rom di 256Kb e non software, inizia il suo sviluppo il 12 dicembre del  1990 e prende il nome di Family Computer Emulator: una macchina ad opera di Haruhisa Udagawa che uguagliava il NES1 e che, nella sua semplicità e limitatezza (non poteva ad esempio riprodurre suoni, non supportava il microfono della Nintendo,  la CPU risultava molto lenta ed i file delle ROM Cartrige dovevano essere scaricati attraverso un processo complicato), permetteva di far girare alcuni storici giochi tipici della console Nintendo come  Donkey Kong, Space Invaders, Mario Bros. Il primo emulatore software di un computer, invece, fu quello - neanche a dirlo- del mitico Commodore 64, che iniziò ad apparire nelle BBS intorno al 1990; anche questo, che girava su macchine intel  permetteva soprattutto di far girare i videogiochi.
A metà degli anni ’90 esattamente tra il 1994 ed il 1995 iniziarono ad uscire anche i primi emulatori di giochi arcade2 autonomi, cioè in grado di emulare solo un singolo gioco o un solo tipo di console, via software. All’inizio giochi come, Ghosts'n Goblins, Bombjack, Asteroids, Mr. Do! Pac-Man, Lady Bug, iniziarono a tornare sui monitor dei computer girando ognuno su un suo software.
Nel 1995, quando l’Activision rilasciò "Atari 2600 Action Pack" per Windows 3.1, comparve il primo emulatore conosciuto di una console. Un paio d’anni dopo, nel 1997, uscì il progetto MAME (acronimo di Multiple Arcade Machine Emulator): un emulatore in grado di far funzionare pressoché tutti i vecchi tipi di giochi arcade tramite le proprie Rom3. Il suo funzionamento è molto semplice, basta copiare il file in formato zip contenente il gioco che si vuole nella directory denominata “ROMS” presente nella root del progamma e questo viene riconosciuto ed eseguito. Indipendentemente dal produttore che poteva essere Acclaim, Namco, Atari, Sega, Konami, o qualunque altro, il gioco funziona. Il progetto nasceva con l’intenzione di documentare il funzionamento dei videogiochi Coin-Up3 e preservare la storia e la memoria delle rarità.
Sebbene questi software fossero diventati diletto principale di soli Nerd, negli ultimi anni si è assistito ad un mercato di retrò computer sempre più in espansione dato che a molti utenti non era più sufficiente un semplice emulatore software ma erano alla ricerca dell’esperienza che avevano vissuto quando, da bambini, muovevano i primi passi nel mondo dei computer, aspettando anche 10 minuti (che sembravano ore!) il caricamento di un gioco o di un programma da un’unità a nastro. Vengono così tirati fuori dalle cantine i vecchi computer a 8bit o a 16bit che hanno fatto la storia, che non sono i vecchi pc IBM compatibili o i Mac II, ma soprattutto MSX, ZX Spectrum, e tanti, tantissimi Commodore che vengono riesumati, restaurati e usati o rivenduti.

Ad oggi un Commodor 64 “Biscottone” funzionante e in buone condizioni ha un prezzo base di 120€ che possono salire in base al fatto che abbia o meno la scatola originale, gli accessori o il Case non usurato dal tempo.
Ed è proprio l’azienda fondata da Jack Tramiel nel 1954 e chiusa nel 1994 a rappresentare (più dei prodotti di Apple o altre blasonate industrie) l’oggetto di rimpianto di tanti appassionati di informatica. Approfittando della nascente nostalgia di tanti ultraquarantenni per i computer della loro infanzia nel 2018 un’azienda londinese, la Retro Games Ltd, mette in commercio il Commodore 64 mini: una console che riproduce in scala (le dimensioni sono 20 x 10 x 3,5 cm contro i 40.4 x 21.6 x 7.5 cm dell’originale) la forma del mitico computer degli anni 80 e ne emula via hardware i videogiochi. A corredo della piccola console veniva fornito un joystick simile a quelli a microswitch utilizzati sui computer a 8 bit, che permette di far rivivere l’esperienza di un vecchio C64 ad prezzo sotto i 100€.
A seguito del successo del Commodore64 mini la stessa azienda nel marzo di quest’anno decide di far usciere una nuova console che emula, sempre via hardware, un altro dei computer storici di Tremiel: il 25 marzo 2022 esce l’Amiga 500 Mini, versione sempre in scala dell’omonimo computer a 16/32 bit (per approfondire la storia dell’Amiga invito a rileggere l’articolo: 30 Anni Fa Una Piccola Rivoluzione) accompagnata da un mouse che è la ricostruzione, per fortuna non in scala, dell’originale a due bottoni e da 25 videogiochi preinstallati. Anche in questo caso stiamo parlando solamente di una console di emulazione di videogiochi.
Ma la sorpresa più bella, per chi ha nostalgia dei vecchi computer e non può rinunciare alla modernità è in arrivo - anche questa - quest’anno. Dopo il fallimento del 1994 e dopo che la Commodore venne messa in liquidazione i suoi marchi ebbero tutto un susseguirsi di cambi di proprietà fino ad essere acquistati nel 2015 da una piccola holding italiana, con sede a Londra, che iniziò a produrre una serie di smartphone denominati Pet, Leo e Nus con il logo Commodore. L'azienda chiamata Commodore Business Machines Ltd. dopo una battaglia legale riuscì ad avere il diritto di utilizzare il logo originale e quest’anno ha annunciato l’uscita di un computer chiamato Commodore64GK.
La macchina, da quello che si è saputo fino ad ora, avrà un cabinet che ricorda per colori e forma dei tasti il mitico computer denominato “Biscottone” a causa della forma rotondeggiante ed il colore marrone; la tastiera, che conterrà tutta la circuiteria, sarà meccanica come l’originale ma non mancheranno Wi-fi, Usb e e Bluethoot per rendere il computer moderno. Allo stesso modo nuovo sarà il sistema operativo, anzi i sistemi operativi, visto che ne avrà ben due distinti: Windows11 e Chrome OS e l’utente potrà decidere in avvio quale dei due far partire.
Attenzione non si parla di dual boot ma di due sistemi separati che hanno due diverse CPU e diverso hardware mentre solo parte dei componenti saranno condivisi, un po’ come succedeva con l’Amiga 2000 e la scheda Bridgeboard.

Difficilmente chi non ha vissuto quegli anni potrà capire l’emozione che hanno dato i vecchi computer e per un appassionato, quando si ha la possibilità di poter usarne uno, è come guidare un’auto d’epoca. Non deve sorprendere quindi che il 2022 sia un anno che due distinte aziende hanno deciso di utilizzare per lanciare due diverse macchine che ricordano la stessa ditta storica; in particolare, con la scusa di voler celebrale i 40 anni dall’uscita del primo C64 “biscottone”, l’azienda Commodore International Ltd. ha deciso di fare un’operazione commerciale azzardata ma anche mirata. Il C64GK non sarà certo un computer per tutti visto che per giocare ci sono computer migliori e per l’uso in ufficio potrebbe rivelarsi scomodo, ma di certo il target di nostalgici non mancherà certo. Il prezzo sarà sicuramente impegnativo ma conosco già molte persone che attendono di poter mettere le dita sulla tastiera meccanica marrone.

 


1 Il Nintendo Entertainment System (NES), noto in Giappone con il nome di Famicom è stata una console per videogiochi a 8-bit prodotta da Nintendo tra il 1983 e il 1995.
2Un videogioco arcade (anche coin-op, abbreviazione di coin-operated, in italiano macchina a gettoni, sebbene il termine si possa riferire anche a giochi non necessariamente video, come i flipper) è un videogioco che si gioca in una postazione pubblica apposita a gettoni o a monete, costituita fisicamente da una macchina posta all'interno di un cabinato. Questo tipo di macchina si diffuse nella seconda metà del XX secolo  nelle sale giochi, nei bar o in altri luoghi pubblici analoghi; le sale giochi spesso raccoglievano solo, o soprattutto, videogiochi arcade. Gli arcade rappresentarono la prima generazione di videogiochi di largo consumo, e il primo contatto del pubblico con questa nuova forma di intrattenimento.
3 ROM Sigla di read only memory, particolare memoria non volatile (cioè capace di conservare i dati presenti anche in assenza di alimentazione) presente nei calcolatori elettronici; i dati sono inseriti durante la sua realizzazione, non potendo più essere modificati


NOTE BIBLIOGRAFICHE
8-BIT GENERATION: THE COMMODORE WARS. Film documentario del 2016 di Tomaso Walliser con Chuck Peddle, Jack Tramiel, Steve Wozniak

Potrebbe interessarti...

Cyberwar

Il web che verrà

Il metaverso evoluzione della realtà virtuale e di internet.

Internet Gaming Disorder: L’esagerazione cinese e la non considerazione occidentale

Microsoft Vuole Ridisegnare Il Futuro Dei Sistemi Operativi?

Conservare i propri dati

Apple il Futuro ripercorrendo il passato

I Nuovi Divulgatori

FB TW whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito filoweb.it sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito filoweb.it.
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti
Cookie tecnici
I cookie tecnici sono necessari al fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dal contraente o dall'utente a erogare tale servizio" (art. 122, comma 1 del Codice privacy).
Cookie analitici di terze parti
I cookie analytics sono utilizzati al fine di valutare l'efficacia di un servizio della società dell'informazione fornito da un titolare di un sito, per progettare un sito web o contribuire a misurare il "traffico" di un sito web, ovvero il numero di visitatori ripartiti per area geografica, fascia oraria della connessione o altre caratteristiche.
Cookie di profilazione
Sono cookie che creano profili personalizzati relativi all'utente per finalità di marketing, ad esempio il retargeting o advertising sui social network.

FILOWEB.it Piccolo Web Magazine amatoriale per esprimere idee su vari argomenti di informatica, tablet, Windows Phone, Amiga computer, Shodan, Facebook e social network, Bufale online, Chatbot, video verticali, polarizzazioine del web e molti altri argomenti interessanti.