CHIUDI

Filoweb.it
La Versailles italiana: La Reggia di Caserta


FB TW whatsapp RSS FEED News letter
24/4/2020

La Versailles italiana: La Reggia di Caserta

Caserta(na)


In Italia esiste una residenza reale che può tranquillamente rivaleggiare con Versailles.

La Reggia di Caserta è capolavoro di architettura barocca voluto da Carlo III di Borbone, re di Napoli, la cui costruzione iniziò nel 1752. Nel 1767 Ferdinando IV la elesse a residenza reale (anche se solamente dal 1780 fu abitata) ma i lavori continuarono e l’edificio, fu completato solamente nel 1845.

Carlo III pensò di spostare la sede del governo al fine di preservarla da eventuali attacchi. La scelta cadde su Caserta, una località lontana dal mare e quindi meno soggetta agli attacchi ed alle cannonate delle navi e più facilmente difendibile dell’allora capitale Napoli. Visto che c’era Carlo III pensò bene di realizzare una reggia che potesse reggere il paragone con le altre residenze reali dell’epoca (in particolare Verrsailles e Schönbrunn) e, se possibile, superarne lo splendore. Il progetto fu affidato all’architetto Luigi Vanvitelli che si ispirò alla reggia di francese. Nacque così un edificio che è quasi il doppio di Versailles (1200 stanze contro le 700 di Versailles) e che, pur traendo ispirazione se ne discosta. Questo fu possibile anche perché il Vanvitelli poté operare patendo da zero, mentre la residenza d’oltralpe venne edificata su di un preesistente edificio in mattoni e pietra; in questo modo la Reggia di Caserta risulta, sebbene ispirata alla corte francese, un edificio con le sue caratteristiche uniche e peculiari che mescola due stili architettonici: il Barocco (come nella reggia di Versailles) e lo stile Neoclassico. Inoltre, mentre la reggia francese era adibita esclusivamente a ospitare il sovrano e la sua corte, quella partenopea aveva lo scopo di ospitare il governo e quindi numerose stanze erano adibite alle truppe o agli uffici amministrativi. 
La reggia di Caserta è una delle più belle residenze reali attualmente esistenti tanto da essere la sede di numerosi films, i più famosi dei quali “Star Wars: Episodio 1- La minaccia fantasma” ed il suo seguito “Star Wars: Episodio II- L’attacco dei cloni” dove il settecentesco edificio divenne la sede e la residenza della principessa Padmé Amidala e del governo del pianeta Naboo.  Ma quello di Lucas non è il solo film di successo internazionale che holliwood ha voluto girare nel monumento patenopeo: “Mission Impossible III”, “Angeli e Demoni” sono alcuni dei titoli più famosi, mentre per le pellicole nostrane vale la pena ricordare “Ferdinando e Carolina” di Lina Wertmuller, la fiction Rai “Giovanni Paolo II”, alcune scene della seconda stagione della serie “Elisa di Rivombrosa”, “Il Pap’occhio”.

Esternamente la reggia copre più di 61.000 mq di cui 45.000 circa sono occupati dell’edificio ed i rimanenti dal parco; si alza per cinque piani raggiungendo i 36 metri ed è comprende quattro cortili interni racchiusi in un rettangolo di 250 metri quadri per 200. Per realizzare questo immenso edificio, abbiamo visto ci volle più di un secolo ed il cantiere era immenso: all’apice lavoravano 2700 operai, 300 capomastri, 250 pirati turchi catturati in mare, 330 tra forzati e condannati. Per il trasporto del materiale si utilizzarono persino cammelli ed elefanti.
Superato l’ingresso si accede ad una lunga galleria che attraversa tutto l’asse centrale della reggia e sbuca nel vasto parco, pieno di fontane e vasche. Dalla galleria si accede anche alla visita interna dell’edificio al quale si accede tramite un’imponente scalone a guardia del quale stanno due state leonine. 
La reggia, appare oggi ben conservata ed i mobili (a differenza di quelli di Versailles) sono ancora quelli originali; l’interno è un susseguirsi di immense sale impreziosite da sculture, stucchi, bassorilievi ed affreschi curati in ogni dettaglio e perfettamente conservate. La sala del trono si trova a circa 200 metri dalle scale, in una stanza immensa, dove (viste anche le non notevoli dimensioni della seduta reale) sembra quasi irraggiungibile e distante tanto si perde nella vastità della sala. La stanza del trono è infatti larga 25 metri e lunga 40, con il tetto a volta che si innalza per 15 metri ed è ricoperto di decorazioni con solo due colori predominanti: l’oro ed il bianco.
Nella reggia è presente anche un teatro, voluto dal re dopo che i lavori erano già iniziati e, questo, portò a stravolgimenti nel progetto originale del Vanvitelli che riuscì comunque a realizzare un vero gioiello: una copia in miniatura del teatro San Carlo di Napoli, ed è composto da 42 palchi messi su 5 livelli diversi ed ogni palco è diverso da quello che lo precede. Una caratteristica del teatro sta nel palco che, dietro la scenografia, tramite due portali da accesso al parco che veniva utilizzato per ampliare le scenografie e renderle più spettacolari con incendi o fuochi d’artificio.

Esternamente la reggia è circondata da un parco di circa 120 ettari, anch’esso progettato dall’architetto Luigi Vanvitelli, e che impressiona il visitatore con la sua “via d’acqua”, ovvero una serie di cascate e vasche di hanno una lunghezza di 3 chilometri affiancati da due viali che raggiungono la sommità della collina antistante il palazzo. L’acqua arriva alle fontane tramite “l’Acquedotto Carolino”, anch’esso fatto costruire da Vanvitelli che raccogli l’acqua di sorgenti lontane 38 chilometri e la cui costruzione richiese sedici anni.
La cascata da qui parte l’acqua dalla sommità della collina rappresenta anche una novità ideata da Luigi Vanvitelli e chiamato “effetto cannocchiale” che consiste nella realizzazione di un enorme viale, completamente diritto, che partendo da Napoli termina, per l'appunto nella parte finale del parco della reggia sulla sommità della collina. Purtroppo la morte dell’architetto Vanvitelli, ideatore del progetto, i lavori si fermarono per 4 anni e, alla loro ripartenza, il parco venne terminato non come era nei suoi disegni originali ma come lo vediamo oggi che è una versione (seppur magnifica) ridotta del progetto originale. Nel 1777 il figlio di Luigi Vanvitelli, Carlo, che succedette il padre nella realizzazione dei lavori, presentò al nuovo re Ferdinando IV, una versione ridotta del progetto di suo padre. Infatti, le difficoltà economiche e l'esigenza di completare i lavori più rapidamente, costrinsero a ridurre il numero di fontane nella seconda parte del Parco.

La visita alla reggia è consigliata a tutti, ma bisogna essere disposti a camminare, non solo per la vastità dell’edificio, ma anche per i giardini. Il tempo è un’altra cosa che il visitatore alla reggia deve essere sicuro di avere, visto che ci vuole un’intera giornata.

    Gallery
FB TW whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito filoweb.it sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito filoweb.it.
FILOWEB.it Luoghi da visitare per un weekend o per una semplice gita fuori porta, Veneto, Emilia Romagna, Trentino, Umbria, il Lago di Garda, I Sassi di Rocca Malatina, Il lago della Ninfa, Il lago di Loppio, borghi e città murate, e molti altri posti interessanti