FILOWEB.IT: Il borgo di Francesco Petrarca

Filoweb.it: Il borgo di Francesco Petrarca

Arquà Petrarca (pd)

FB TW G+ whatsapp RSS FEED News letter
10/9/2018

Il borgo di Francesco Petrarca

Arquà Petrarca (pd)


“Fuggo la città come ergastolo e scelgo di abitare in un solitario piccolo villaggio, in una graziosa casetta, circondata da un uliveto e da una vigna, dove trascorro i giorni pienamente tranquillo, lontano dai tumulti, dai rumori, dalle faccende, leggendo continuamente e scrivendo.” (F. Petrarca)

Il borgo, che fa risalire le sue origini all’epoca del bronzo, è considerato oggi uno dei più belli dei colli Eugaini; in effetti il centro storico risulta ancora intatto fin nei minimi particolari, tanto che è stato possibile il suo inserimento tra i “Borghi più belli d'Italia”.

In questo borgo trovò la pace il famoso poeta Petrarca, dove passò gli ultimi anni della sua vita e dove è ancora possibile visitarne la casa ben conservata che rappresenta uno dei principali luoghi di interesse del borgo, e dove, sul sagrado della chiesa di S.Maria sorge oggi l'arca in marmo rosso di Verona contenente le spoglie del poeta. 

Della Chiesa di Santa Maria Assunta ad Arquà Petrarca si hanno notizie sin dal 1026; L’interno della Chiesa si presenta ad un’unica navata con tre altari ed un tetto con travatura a vista. L’altare centrale, proveniente dall’eremo del monte Rua, è opera dello scultore Francesco Rizzi (1729-1795) della scuola del Bonazza; lo compongono la statua della Vergine e dell’Arcangelo Gabriele, due Busti di Santi e due Angeli. I due altari laterali in legno scolpito sono del ‘500 e la pala dell’altare di destra, opera di Pietro Damini da Castelfranco rappresenta il Battesimo di Gesù La grande pala dell’Assunta, dietro l’altare maggiore, è opera di Palma il Giovane (1544-1628). I restauri dell’inizio del ‘900 hanno evidenziato la presenza di affreschi di scuola veneto-bizantina in particolare una Madonna con il Bambino (XI secolo). Sono emersi poi altri affreschi risalenti al XV secolo di scuola post giottesca, raffiguranti un’altra Madonna col Bambino ed un trittico rappresentate Santa Marta, Santa Maria Maddalena e Santa Lucia del XIV secolo.

Risalendo lungo le vie che conducono alla parte alta dell'abitato si possono ammirare belle case medievali e abitazioni antiche. Prime fra tutte la loggia dei Vicari, situata in una caratteristica piazzetta, in cui si riunivano i nobili capofamiglia con il vicino oratorio della Trinità, del secolo XII.

L’oratorio era molto caro al Petrarca, che si recava qui per pregare. Nel 1181 l’Oratorio della Santissima Trinità era già esistente ed è stato modificato più volte nel corso dei secoli. 

La loggia, invece, che è attigua all’Oratorio risale al XII secolo ed è stata, durante il Medioevo e l’età veneziana, la sede dell’amministrazione locale, dove si svolgevano le assemblee alle quali partecipavano i capifamiglia del luogo. Nel 1823 il monumento rimase senza la sua copertura e nel 2003 è stato dotato di un nuovo tetto per garantirne la conservazione.

Da un punto di vista enogastronomico il borgo è famoso per l’olio di oliva, per la coltivazione delle giuggiole ,alle quali è dedicata uan festa in aututtno e con le quali producono il “brodo di giuggiole”, un liquore molto dolce e per il Moscato Fior d'Arancio, un vino spumante.

 Raggiungere il borgo è semplice così come trovare parcheggio a pagamento.

L'anima medievale di questo borgo traspare ancora dagli edifici e abitazioni lungo le sue vie e stradine e si consiglia vivamente, se ne se ha la possibilità, di visitarlo.

    Gallery

Commenta questo luogo...

FB TW G+ whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito.
FILOWEB.it Luoghi da visitare per un weekend o per una semplice gita fuori porta, Veneto, Emilia Romagna, Trentino, Umbria, il Lago di Garda, I Sassi di Rocca Malatina, Il lago della Ninfa, Il lago di Loppio, borghi e città murate, e molti altri posti interessanti