Filoweb.it

By Filippo Brunelli

FB TW G+ whatsapp RSS FEED News letter

Disastro del lago Nyos



Il Nyos, in Camerun, non è una leggenda ma una triste pagina di cronaca nera. La notte del 21 agosto 1986, vennero uccise più di 1.700 persone.
Il lago Nyos si estende su una superficie di circa 1,5 km quadrati ed è di oltre 200 metri di profondità.
Era noto da anni che l'acqua nel Lago Nyos era estremamente arricchito in CO 2 disciolta: il lago è sovrapposto su una fonte di origine vulcanica, che sembra rilasci CO2 assieme ad altri gas. 
Tuttavia la maggior parte di questo gas non si dissolve in atmosfera, ma piuttosto si dissolve nelle acque sul fondale del lago. 
Ad una profondità di oltre 200 metri, il peso delle acque del profondo lago esercita notevoli pressioni sulle acque dei fondali.
Questa pressione permette di confinare la CO 2 a tali profondità e dissolversi nelle acque del fondale,senza mai uscire in superficie, più o meno allo stesso modo in cui il tappo di una bevanda gassata impedisce al gas di gorgogliare fuori dal suo contenitore.
Ad una profondità di 200 metri, l'acqua può contenere 15 volte il proprio volume di CO2.
È stato stimato che ogni litro di acqua nella parte bassa del lago potrebbe contenere tra 1 e 5 litri di CO2.
L'acqua nel lago di Nyos è normalmente di un limpido, profondo colore blu. La post-fotografia dopo l'eruzione  ha mostrato che è composto anche di acqua torbida rosso bruno, che sembra formata dalla ossidazione del ferro di cui sono ricchi i fondali del lago che sono che sono risaliti fino in superficie durante la manifestazione dell'agosto 1986. 
La gigantesca nube ricca di CO2 è stato espulsa rapidamente come un jet dal lago Nyos,con una velocità di circa 100 km all'ora.
La nuvola avvolse rapidamente le case all'interno del cratere che erano a 120 metri sopra la riva del lago. 
A causa della densità del gas di circa 1,5 volte più denso dell'aria, la massa gassosa abbracciò la superficie e discese a valle lungo il lato nord del cratere.
La nube mortale fu di circa 50 metri di spessore ed avanzava a una velocità di 20-50 km all'ora. 
Questa nebbia e persistente si diffuse in forma concentrata su un area di 23 km, portando morte improvvisa per i villaggi di Nyos, Kam, Cha e Subum. 
I corpi di quelli che sono morti erano generalmente privi di traumi. La maggior parte delle vittime sembra essersi semplicemente addormentata e morta per asfissia: molti sono morti nei loro letti.
Dopo aver esaminato il luogo del disastro, gli scienziati sono stati divisi in due campi sul meccanismo di una così rapida espulsione di CO 2:
  • La CO 2 avrebbe potuto scoppiare attraverso il lago come il risultato di una eruzione improvvisa di gas;
  • La CO 2 potrebbe essersi accumulata lentamente nella parte bassa del lago, per poi essere rilasciata bruscamente dal ribaltamento delle acque sul fondo causato da un qualche meccanismo sconosciuto. 
FB TW G+ whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito.