FILOWEB.IT

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Generazione di aerei

Prima Generazione 1945-1955
Della prima generazione di caccia fanno parte i caccia subsonici con prese d'aria a geometria fissa, come il Gloster Meteor britannico ed il Lockheed P-80 Shooting Star americano.
I modelli più rappresentativi di questa generazione sono l'ME 262 nella fase del conflitto mondiale e l'F-86 Sabre e il MiG-15.

Seconda Generazione 1955-1960
La seconda generazione di caccia a reazione era già molto evoluta rispetto ai primi insicuri aerei a getto, grazie all'adozione di motori decisamente più potenti e sicuri (affogati nella fusoliera e non più nelle semiali) ma soprattutto grazie all'uso dell'ala a freccia che li rendeva capaci di raggiungere alte velocità subsoniche.
La seconda generazione ebbe una vita concettualmente e costruttivamente breve, perché in poco tempoesordì la terza generazione.
Tra i modelli più rappresentativi della seconda generazione si possono citare: North American F-100 Super Sabre, Convair F-102 Delta Dagger, Lockheed F-104 Starfighter, Republic F-105 Thunderchief, Convair F-106 Delta Dart, Mikoyan-Gurevich MiG-21, BAC Lightning, de Havilland DH.110 Sea Vixen, Hawker Hunter, Dassault Etendard, Dassault Mirage III, Saab 35 Draken

Terza generazione 1960-1970
La terza generazione esordì agli inizi degli anni Sessanta ed ebbe una vita operativa lunga.
Gli USA misero in campo l'F-4 Phantom, che in quegli anni stabilì numerosi primati di velocità, accelerazione, velocità di salita e quota. L'URSS mise in campo il MiG-23, un agile intercettore leggero da Mach 2, mentre la Francia realizzò il Dassault Mirage III, la Svezia il Saab 37 Viggen e la Cina lo Chengdu J-7. Questi velivoli, nonostante siano ormai superati, sono rimasti validi nei primi anni del XXI secolo, restando in servizio in numerose forze aeree in varie parti del mondo.
Questi caccia si scontrarono in diverse occasioni tra loro negli anni sessanta e settanta nelle guerre arabo-israeliane e nella Guerra del Vietnam. L' F-4 americano in particolare fu progettato come caccia dotato di un armamento pesante esclusivamente missilistico, ma fu ben presto adattato ad un impiego multiruolo montando anche un cannone da 20 mm a canne rotanti Vulcan.
Tra i modelli più rappresentativi si possono citare: il F-4 Phantom, il Saab37 Vigen, il MiG-23

Quarta generazione 1970-1995
Seguirono i caccia di quarta generazione con ala a forte freccia o a delta e prese d'aria a geometria variabile capaci di raggiungere Mach 2.
Gli aerei di quarta generazione sono caratterizzati da una buona elettronica di bordo, con capacità di colpire bersagli a lunga distanza (oltre ai 150 km) facendo affidamento sul radar di bordo e sui missili a lungo raggio, e non perdendo efficacia nei combattimenti a breve raggio, dove contano su una maneggevolezza e rapidità di risposta che portano la macchina a compiere potenziali evoluzioni che il pilota non può permettersi per non perdere conoscenza. Queste prestazioni ottenute grazie a studi aerodinamici avanzati, materiali compositi, motori molto potenti e comandi di volo elettronici fly-by-wire. Sono inoltre dotati di mitragliatrice fissa di bordo e piccoli e agili missili a breve raggio a ricerca di calore. La loro velocità massima è compresa tra Mach 2 e Mach 2,5.
In questi aerei il concetto dominante è la capacità "multiruolo", ovvero la capacità di compiere ogni sorta di missione, ripercorrendo la strada segnata 20 anni prima dall'F-4, ma questa volta potendo contare sulle tecnologie necessarie.
Tra i modelli più rappresentativi si possono citare: Grumman F-14 Tomcat, McDonnell Douglas F-15 Eagle, General Dynamics F-16 Fighting Falcon, McDonnell Douglas F-18 Hornet, McDonnell Douglas-BAe AV-8B Harrier II, Mikoyan-Gurevich MiG-29, Sukhoi Su-27, Panavia Tornado, Dassault Mirage 2000, Saab 37 Viggen.

Quarta generazione e mezza 1990-2005
I caccia di questa generazione sono cacciabombardieri che posseggono tutti i concetti della quarta generazione esaltandoli con l'uso dei nuovi materiali compositi, potenza dei motori e basso consumo di carburante ed elettronica, il tutto per facilitarne la manutenzione, l'aggiornamento e il dispiegamento, con grande risparmio economico e di ore lavorative del personale di terra; alcuni come l'EF-2000 hanno anche caratteristiche semi-stelth (ovvero anno una bassa segnatura radar in configurazione "pulita").
Tra i modelli più rappresentativi si possono citare: Boeing F-18E/F Super Hornet, Sukhoi Su-30, Sukhoi Su-35, EF-2000 Eurofighter Typhoon, Saab JAS 39 Gripen, Dassault Rafale.

Quinta generazione 2005-20XX
I caccia di "quinta generazione" costituiscono davvero un passo avanti, integrando tutte le capacità fin qui concentrate nei cacciabombardieri con in più la tecnologia stealth di cui fanno uso e che gli permette di colpire prima di essere individuati, di volare praticamente indisturbati nello spazio aereo ostile, di portare a termine la missione anche in ambiente saturo di difese antiaeree e di ottenere la superiorità aerea anche in forte inferiorità numerica.
L'F-22 e l'F-35 JSF sono dei veri capolavori di tecnologia aerospaziale e rappresentanti di questa tecnologia.
l'F-22A è stato contrapposto in varie esercitazioni aeree (esempio le esercitazioni Red Flag) ai migliori caccia di 4ª generazione tuttora in servizio nell'USAF come l'F-15C/E, F-16C, F/A-18A+/C. In tutte queste esercitazioni, in cui veniva schierato in schiacciante inferiorità numerica e con regole di combattimento sfavorevoli (i nemici "eliminati" potevano rientrare in combattimento), in più di un'occasione, i piloti dei caccia avversari hanno subito la frustrazione di entrare nel raggio visivo degli F-22 (che, quindi, il pilota vedeva concretamente), ma di non riuscire ad ottenere un aggancio con nessun genere di arma (radar o IR) sul caccia di 5ª generazione che, sfruttando la maggiore manovrabilità, in breve eliminava l'avversario anche nell'arena a corto raggio.
ra i modelli più rappresentativi si possono citare: Lockheed Martin F-22 Raptor, Lockheed Martin F-35, Mikoyan-Gurevich MFI, Sukhoi Su-47, Sukhoi PAK FA, Chengdu J-20.

Approfondimenti: Portale sugli aerei da guerra


Tags:Aerei generazioni f-35 f-22 1945 1955 1960 1970 1995 1990 2005 stelth fly-by-wire aereonautica guerra tecnologia

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp
Cerca
Parola:
Log-in:
E-mail: Password:

Lista delle voci

Chi ha inventato l' F-16?
Il Piano Bernadotte
Il falso logo CE
Vegetariani più a rischio per allergie, depressione e tumori
File RAW fotografia
Frequenze della polizia
Nutella
La Sigla A113 (animazione)
Carburante degli aerei
ius primae noctis
Maria Antonietta non invitò il popolo a mangiare brioche
Eva non offrì ad Adamo una mela
Le piramidi non le costruirono gli schiavi
Confondere la genialità con l’intelligenza e la sregolatezza
Disastro del lago Nyos
Kilogrammopeso, Peso, Massa, Newton
Potenza
Che Guevara assassino feroce
GLI ORRORI DEL COMUNISMO
Tesla (Unità di misura)
Forze fondamentali
Fotografie in alta gamma dinamica High Dynamic Range (HDR).
fiscal cliff
Nitroglicerina
Curve isofoniche
Generazione di aerei
La teoria delle stringhe
Subprime
Derivati
La Curva di Laffer o della crescita felice
Teoria economica di Keynes
Caloria
Decibel e suono
Polvere pirica o polvere nera polvere da sparo
Joule
Tassos Isaac
Invasione turca di Cipro
Entanglement quantistico
Muramasa le spade maledette
Masamune e la Honjo Masamune
Differenza tra reazione chimica e reazione nucleare
Tipi di Energia
Olocausto
Il genocidio armeno
Disastro di Bhopal
Centrali eoliche
L'omosessualità è genetica
L'uomo di Piltdown
Isole Senkaku (Diaoyutai)
Relatività generale
Nastro di Möbius
Lo Spread dei titoli di stato
Il gatto di Schrödinger
La mappa non è il territorio
Introduzione alla Semantica Generale
Reagan il miglior presidente, Obama solo quarto
Prima Uovo o Gallina?
Pannelli solari fotovoltaici e inquinamento
Storia debito pubblico Italiano
Irgun
Haganah
Dishonorable Disclosures
Idrogeno come fonte di energia
Sindrome hikikomori o Ragazzi Tartaruga
Conferenza di Madrid
Risoluzione ONU 3379
Esodo ebraico dai paesi arabi

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.