Filoweb.it

By Filippo Brunelli

FB TW whatsapp RSS FEED News letter

Subprime



I Subprime sono dei prestiti concessi a tassi elevati a persone che non possono accedere al normale canale finanziario o bancario in quanto hanno avuto dei precedenti negativi con le istituzioni bancarie o finanziarie.
In pratica chi accede ai prestiti o mutui subprime è una persona che presenta elevati rischi per chi eroga il prestito e a fronte dell’erogazione del mutuo o del prestito questo soggetto pagherà un tasso di interesse più elevato rispetto al mercato normale. Questo premio è dovuto essenzialmente in quanto questa persona viene identificata come un elemento a forte rischio di solvibilità e quindi potenziale insolvente.
Negli Stati Uniti, in particolare, i mutui subprime sono quei prestiti il cui importo coincide quasi completamente con il valore dell’immobile e vengono concessi a clienti con un basso reddito e un passato “creditizio” non regolare. Negli ultimi anni la quota di tali mutui è salita dal 5 per cento del totale nel 2001 e al 14 per cento nel 2006; per i due terzi si tratta di mutui a tasso variabile. E sta proprio nella variabilità dei tassi e nella larga diffusione di tale tipologia di mutui la miccia che ha innescato la crisi. 
Quando i prezzi degli immobili iniziò a scendere chiunque avesse un titolo subprime ha iniziato a venderlo. Il loro prezzo è sceso, e ha innescato una spirale opposta alla precendente. Ancora: chi ha perso dei soldi vendendo il proprio subprime di corsa a prezzo stracciato, per rifarsi ha venduto ulteriori azioni. Il clima di incertezza e di ignoto ha portato alla vendita di altri titoli. I prezzi sono crollati.
Per evitare un crack di dimensioni catastrofiche alcuni titoli subprime, in America, sono stati congelati dopo qualche giorno - significa che chi li possiede non li può vendere o comprare: blocco forzato delle contrattazioni. Ma non è bastato. Il colpo di grazia l'ha dato la notizia che una grande compagnia europea come la Bnp Paribas è stata costretta, ella stessa, a congelare tre gestioni.
La Bce è intervenuta con una massiccia iniezione di denaro, e il Sec (l'organo di vigilanza della Borsa Americana) ha annunciato forti controlli. Ma intanto tutte le borse del mondo hanno perso almeno il 2%.
FB TW whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito filoweb.it sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito filoweb.it.
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti
Cookie tecnici
I cookie tecnici sono necessari al fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dal contraente o dall'utente a erogare tale servizio" (art. 122, comma 1 del Codice privacy).
Cookie analitici di terze parti
I cookie analytics sono utilizzati al fine di valutare l'efficacia di un servizio della società dell'informazione fornito da un titolare di un sito, per progettare un sito web o contribuire a misurare il "traffico" di un sito web, ovvero il numero di visitatori ripartiti per area geografica, fascia oraria della connessione o altre caratteristiche.
Cookie di profilazione
Sono cookie che creano profili personalizzati relativi all'utente per finalità di marketing, ad esempio il retargeting o advertising sui social network.