Filoweb.it

By Filippo Brunelli

FB TW G+ whatsapp RSS FEED News letter

Muramasa le spade maledette



Muramasa Sengu è stato un famoso fabbro artigiano giapponese, fondatore della scuola Muramasa vissuto nel periodo Muromachi (XVI secolo) in Giappone.
La scuola di fabbri situata nella provincia di Ise era famosa per lo straordinario filo delle sue lame. I più recenti lavori conosciuti della scuola risalgono al 1501; La scuola Muramasa ha continuato la sua attività fino al tardo Cinquecento. 
Le spade di Muramasa persero la loro fama presso il governo giapponese quando Tokugawa Ieyasu divenne Shogun, inaugurando lo Shogunato Tokugawa, nel 1603. Si dice che Ieyasu avesse perso molti amici e affini a causa delle spade di Muramasa e lui stesso era stato ferito gravemente da una di queste, così proibì ai suoi samurai di portare con sé le spade fatte da Muramasa. Ciò ha contribuito ancora di più alla creazione di leggende su Muramasa e ha portato alla produzione di opere teatrali giapponesi che trattavano di tali lame. A causa di questa cattiva fama attribuitele, le spade presentano la loro firma cambiata o rimossa del tutto. Tuttavia furono ancora create molte forge delle spade di Muramasa poiché i nemici dello Shogunato Tokugawa desideravano avere queste spade.
Si dice anche che, una volta estratta, una spada di Muramasa debba bagnarsi di sangue prima di essere riposta, anche giungendo al punto di costringere il proprio padrone a ferirsi o a commettere suicidio. Perciò, si pensa a queste spade come lame demoniache che generano un insaziabile sete di sangue che attanaglia coloro che le brandiscono.
FB TW G+ whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito.