FILOWEB.IT: Le grotte di Labante (bo)

 
HOME Gallery Quadernino Roberto Contatti
 
Le grotte di Labante (bo)

Una bellissima piccola cascata

Uno sperone di roccia simile al muso di un grande animale preistorico riversa sporgendosi nel vuoto una cascata d’acqua in un laghetto, in un contesto paesaggistico di verdi prati

Oltre ai Gessi bolognesi sull'Appennino, nel territorio del Comune di Castel D'Aiano, nella Valle dell'Aneva, in località San Cristoforo di Labante, si trova un interessante fenomeno carsico: le grotte di Labante. Si narra che la necropoli etrusca di Misa di Marzabotto ed anche le tombe etrusche che si trovano a Bologna nei Giardini Margherita siano state fatte con il travertino ricavato da questo magico posto.
Questo complesso caresico rappresenta le più grandi grotte di travertino in Italia e forse anche d'Europa, dall'alto valore scientifico.
La grotta ha una lunghezza di 54m ed un dislivello di 15 ed insieme alla sorgente di San Cristoforo da luogo a una spettacolare cascata naturale. Proprio l'acqua che sgorga, ricca di sali di calcio, concorre alla formazione dei travertini che venivano estratti già in epoca romana e che danno il soprannome di "Sorgenti Pietrificanti".
La sorgente di San Cristoforo (che si trova a 622m s.l.m) è dotata di una portata media estiva di 11,2 l/s e rappresenta un'importante fonte di approvvigionamento idrico, tanto che dal 1986 concorre ad alimentare la rete dell'acquedotto dei comuni di Castel d'Aiano e Vergato.
Una parte di quest'acqua viene usata per alimentare un antico lavatoio che è ancora visibile nei pressi della chiesa e la cascata che genera il fenomeno carsico, costruendosi così il letto dove scorrere strato dopo strato.
La gita alle grotte di Labante è fattibile per tutti, così come i sentieri che da essa si diramano nelle varie direzioni, tra boshi lussureggianti di faggi e castagni secolari, ove si celano antichi rifugi selvaggi e morbide colline, dove si possono trovare luoghi incantevoli per un pic-nic in un giorno di festa.


Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo) Le grotte di Labante (bo)

Contenuti

* Sezione indipendente con grafica non aggiornata
G+ FB TW whatsapp

Luoghi

Una bellissima piccola cascata
Ferrara: da cittadella medioevale a opera rinascimentale
Spello è un incanto una cartolina
Bolca
LE SALSE DI NIRANO
Il Vittoriale degli Italiani
Un'altra piccola Venezia
Oltre al ponte la Grappa
Non solo la città degli scacchi
Lago della ninfa
Un polmone verde alle porte di Verona
il paese dai muri dipinti
SOAVE: Dal Vino alla storia
Da Vignola a Marano : Il percorso Natura
Il Parco Giardino Sigurtà
Il Parco dei Sassi di Roccamalatina
Il ponte naturale più grande d'europa
A Rovereto per riscoprire la I° guerra mondiale
IL Forte Wohlgemuth
LA città murata medioevale
Parco delle Cascate di Molina
IL PORTICO DI San Luca
Il Lago di Loppio
Il santuario incastonato nella Roccia
Da borghetto lungo il mincio
Il Parco Bucci

ENTRA

Perchè

Nelle giornate di sole, anche invernali, è difficile rinunciare ad una scampagnata ma se si ha una giornata libera e non sapete dove andare o non si vuole spendere molto? Questa sezione del sito vuole offrire all'internauta la possibilità di condividere luoighi e/o esperienze. Chiunque può partecipare iscrivendosi ed inserendo un luogo, un posto, un monumento, un itinerario che vale la pena visitare.
filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.