FILOWEB.IT: Web Magazine

 
HOME Gallery Quadernino Roberto Contatti
 

Più Pokemon Go e meno Office?

A gennaio del 2016 scrivevo su queste pagine di come la microsoft avrebbe recuperato campo nei disposivi mobili grazie a windows10 e windows10 mobile.
Purtroppo questa mia speranza/previsione si è dimostrata azzardata: dopo che anche Bill Gates ha dichiarato di non usare più windows phone sul suo telefono ma di essere passato ad Android, anche Joe Belfiore (vicepresidente per i sistemi operativi) ha spiegato in una serie di tweet di ottobre 2017, che quel comparto (windows phone)  “non è più il focus” di Microsoft che comunque continuerà a sviluppare il supporto per la sicurezza e le patch.
Cosa vuol dire? Semplice che la casa di Redmond non svilupperà più nuovi software per i dispositivi con windows 10.
A cosa è dovuto questa fine? 
Microsoft era entrata tardi nei dispositivi mobili, sebbene già in passato con windows CE avesse messo a segno diversi buoni risultati non era riuscita ed entrare nel mercato emergente al momento giusto trovandosi ad affrontare, in seguito, un mercato già consolidato da Android e Apple. A questo si aggiunge che pochi sviluppatori sono stati disposti a “rischiare” su quel sistema operativo che aveva pochi utenti e pochi utenti volevano un sistema operativo che non disponeva di molte app sullo store. Insomma un cane che si morde la coda.
È stato, invece, in giappone e nel mercato Business dove Microsoft ha avuto il massimo dell’espansione con windows phone, segno che il sistema era buono e stabile per chi non cercava fronzoli ma sicurezza:  molte delle funzioni che su altri dispositivi erano disponibili tramite app in windows phone erano già presenti nel sistema operativo. 
Windows mobile era (e rimane tutt’ora), indiscutibilmente, un ottimo sistema operativo: sicuro, stabile ed intuitivo ma, alla fine, la scelta la fanno gli utenti e un ecosistema senza app, per quanto ben fatto, non attrae utenza.
Rispondendo ad un utente che chiedeva appunto più app da utilizzare sul proprio device mobile, Joe Belfiore ha affermato che Microsoft ha fatto in passato veramente il possibile per risolvere questo grande problema. Basta pensare che il colosso di Redmond ha addirittura pagato oltre che sviluppare personalmente le applicazioni delle compagnie più famose che però non hanno mostrato comunque interesse nei confronti della piattaforma che era considerata troppo povera in termini di utenza.
Tutto questo pensando che Microsoft possiede ben 3 delle 5 app del mercato business più scaricate ( Office, LinkedIn e Skype for Business) crea una certa tristezza perché segna la fine di qualcosa che poteva veramente essere la differenza ma che non è stato capito dal mercato… forse la Microsoft doveva sviluppare più Pokemo Go e meno Office?
Per finire non rimangono che I tweet di Joe Belfiore a salutare windows phone:  “We have tried VERY HARD to incent app devs. Paid money.. wrote apps 4 them.. but volume of users is too low for most companies to invest”

Contenuti

* Sezione indipendente con grafica non aggiornata
G+ FB TW whatsapp

LISTA ARTICOLI

Più Pokemon Go e meno Office?
Hanno vinto ancora...
Per chi dice: «Ormai non mi serve più il pc, faccio tutto con lo smartphone»
I Chatbot non sono Skynet
Polarizzazione del web
We are thinking for you. So you don't have to.
Realtà virtuale e realtà aumentata.
L'importanza di un Ping
Casus Belli
Perchè la Microsoft rimonterà nel mercato dei dispositivi mobili
30 anni fa una piccola rivoluzione
Bentornato windows
Naked iOS
Il pericolo di IE
E' stato superato il test di Turing?
State of the Internet 2014 analisi del Photo Sharing
Demenze giovanili (e non) al tempo di internet
La fuga da Whatsapp
La “culona” Internet e L’NSA
Shodan è motore di ricerca più pericoloso?
Sexting: Difendiamo i minori
Il pericolo delle case Smart
8 APRILE 2014. LA FINE DI XP
ECDL SI EVOLVE, MA SERVE?
Copia personale
Chi copia chi?
Per la libertà informatica dovremmo tornare alle BBS?
(Dis)Informazione al tempo di Internet
Regressione digitale.
Wikipedia e la falsa cultura

ENTRA

 
Email
Password
 

ISCRIVITI

Il principio di questo web magazine è che ognuno può pubblicare quello che vuole. Si possono usare anche pseudonimi ma l' e-mail deve essere reale. Verrai ricontattato per verificare l'identità e la reale e-mail.
Non ci sono limitazioni ne al numero di articoli che un collaboratore può pubblicare ne censure, se non quelle dei termini di servizio e/o la violazione della privacy o dei copywrite.
Si prega inoltre ogni collaboratore di astenersi dall'usare un linguaggio scurrile o volgare quando più possibile.
Ogni utente è responsabile di ciò che pubblica ed ogni accesso viene monitorato con la registrazione della data e dell'ora di accesso e dell'IP.
Questi dati vengono conservati solo al fine di controllare e tutelare l'utente stesso e non vengono diffusi se non su richiesta delle autorità preposte.

ISCRIZIONE COME COLLABORATORE
Nome
Cognome
E-mail
Password

Accetto i Termini del servizio  e la Politica della Privacy.
N.B.: Una volta iscritti il sito memorizzerà il vostro IP e la data di di ogni accesso.
filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.