CHIUDI

Filoweb.it
Il miracolo di Rasiglia


FB TW whatsapp RSS FEED News letter
23/11/2021

Il miracolo di Rasiglia

Rasiglia(Pg)


Qualcuno la chiama al Venezia Umbra, qualcun altro il borgo dei ruscelli. La verità è che Rasilia è Rasilia: un luogo magico, che sembra uscito da un racconto fantasy e che pochi conoscono

Nel cuore dell’Umbria c’è una perla nascosta che pochi conoscono, un piccolissimo borgo dove l’acqua è l’elemento caratterizzante del paesaggio e che sembra immerso in un’atmosfera da sogno: Rasiglia.

Le prime notizie sull’esistenza del paese risalgono agli inizi del XIII secolo ma è molto probabile che degli insediamenti siano stati presenti nella zona da molto prima vista l'abbondanza d'acqua.
È fu proprio l’abbondanza d’acqua a determinare la crescita economica ed industriale del piccolo borgo in età medioevale che sfruttata la creazione di numerosi opifici, come gualchiere, mulini a grano, lanifici e tintorie che eseguivano la lavorazione di stoffe pregiate; la fertilità della terra circostante permise inoltre di avere sempre le materie prime per poter far funzionare il laborioso complesso industriale che si sviluppava.
In particolare i lanifici rimasero in attività per tutto l’800 e buona parte del ‘900 con la chiusura dell’ultimo stabilimento solamente nel 1980.
In realtà il declino di Rasilia inizò nella seconda metà del secolo scorso, dopo la seconda guerra mondiale, quando la povertà assoluta, le poche occasioni di lavoro, la chiusura delle attività industriali spinsero la gente a lasciare il paese e migrare verso le grandi città, in particolar modo Foligno che dista solamente 18Km. Con lo spopolamento del borgo le piccole attività economiche iniziarono a chiudere lentamente ed il paese rischiò di scomparire.
Il terremoto del 1997 diete il colpo di grazia al paese e solamente la riscoperta da parte del turismo ha permesso di far rinascere il piccolo borgo che, ad oggi, conta circa una settantina di abitanti quasi tutti in età avanzata: nel fine settimana arrivano migliaia di turisti, che scoprono questo borgo tramite il web o da amici che ne parlano, tanto che oggi si può tranquillamente parlare del  “miracolo Rasiglia”.
I mulini sono stati trasformati in abitazioni o in attrazioni per i turisti che possono ammirare le strutture artigianali di un tempo e le attrezzature utilizzate per fare la lana e macinare il grano tanto che rappresenta un raro esempio di conservazione di tutti gli elementi necessari alla produzione dei manufatti tessili, dalla tosatura alla realizzazione del prodotto finito.

Visitare Rasiglia vuol dire immergersi in un passato mai completamente sparito, in un borgo circondato dal verde delle colline umbre e dove il gorgoglio dell’acqua che si incanala lungo la principale via del paese permette al visitatore di rilassarsi e dimenticare la frenesia della vita moderna.

    Gallery
FB TW whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito filoweb.it sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito filoweb.it.
FILOWEB.it Luoghi da visitare per un weekend o per una semplice gita fuori porta, Veneto, Emilia Romagna, Trentino, Umbria, il Lago di Garda, I Sassi di Rocca Malatina, Il lago della Ninfa, Il lago di Loppio, borghi e città murate, e molti altri posti interessanti