Filoweb: Lockheed Martin F-35 Lightning II

 
HOME Gallery Quadernino Roberto Contatti
 

Lockheed Martin F-35 Lightning II

Caccia con ruolo secondario di attacco

Origine: USA
Motori: 1 Pratt & Whitney F135-PW-100 con postbruciatore e 180 kN di spinta (con postbruciatore)
Prestazioni: Velocità massima 1,7 Mach. Autonomia 2200 km. Tangenza 15000 m.
Armamento: 1 cannone GAU-12/U 25 mm. Bombe: Mark 84, Mark 83, Mark 82, Mk.20 Rockeye II a grappolo, Wind Corrected Munitions Dispenser,Paveway a guida laser, JDAM. Missili Aria- Aria: AIM-120 AMRAAM, AIM-132 ASRAAM, AIM-9X Sidewinder. Missili aria-Terra: AGM-154 JSOW,,AGM-158 JASSM.
Ruolo: Caccia, Appoggio, Attacco, Bombardamento

Descrizione: Il Lockheed Martin F-35 Lightning II è un caccia multiruolo di 5ª generazione monoposto, a singolo propulsore, con caratteristiche stealth.
Molti paesi, anche europei, stanno valutando il velivolo per sostituire alcune tipologie di aerei da combattimento delle proprie aeronautiche o marine. La versione B a decollo corto è indicata per gli incrociatori portaerei o portaelicotteri non muniti di ponte di volo sufficientemente lungo per l'involo di aerei tradizionali mediante catapulte, come gli incrociatori britannici della classe Invincible o la nuova Cavour italiana; l'F-35 è anche un aereo di caratteristiche stealth. Il progetto è ancora sotto sviluppo.
L'F-35 appare più piccolo e leggermente più tradizionale del fratello a bi-propulsore F-22 Raptor. Il progetto del condotto di scarico si è ispirato al modello 200 della General Dynamics, un aereo VTOL del 1972 progettato per le Sea Control Ship. I progettisti della Lockheed hanno lavorato assieme al Yakovlev Design Bureau, che progettò l'aereo Yakovlev Yak-141 "Freestyle" negli anni novanta. La tecnologia stealth rende l'aereo difficile da individuare mentre si avvicina ai radar a corto raggio.
Rispetto alla generazione precedente, gli obiettivi di questo progetto sono di creare un velivolo: con tecnologia stealth a bassa manutenzione e durevole; con sistemi avionici integrati con i sensori per combinare le informazioni e aumentare la conoscenza del pilota sulla situazione circostante, l'identificazione e lo sgancio delle armi e l'invio veloce di informazioni ad altri nodi di controllo e comando; con una rete interna ad alta velocità, tra cui l'IEEE 1394 e fibre ottiche.
L'F-35 possiede un display di tipo "panoramic cockpit display (PCD)" con dimensioni di 50 x 20 cm. Un sistema di riconoscimento vocale permette di aumentare le capacità del pilota di interagire con il velivolo. L'F-35 sarà il primo aereo ad ala fissa operativo ad usare questo sistema.
Il sensore principale è il radar APG-81, progettato dalla Northrop Grumman Electronic Systems. Verrà integrato dal sistema elettro-ottico di puntamento, montato sotto il muso dell'aereo e progettato dalla Lockheed Martin e dalla BAE. Lungo tutto l'aereo sono distribuiti ulteriori sensori elettro-ottici, come parte del sistema AN/AAS-37, che funge da sistema di allerta per il lancio di missili e può aiutare la navigazione e le operazioni notturne. Il sistema di decollo verticale è composto da un ugello a spinta vettoriale che permette di deflettere lo scarico del propulsore principale verso il basso. La spinta viene controbilanciata sulla prua dell'aereo da una sorta di turboelica verticale, alimentata da una turbina a bassa pressione del propulsore. Il controllo del rollio viene effettuato direzionando e deviando aria pressurizzata dalla turbina a bassa pressione attraverso ugelli di spinta montati sulle ali.
La ventola per la spinta verticale ottiene lo stesso effetto dell'enorme ventola dell'Harrier, che tuttavia era impraticabile a velocità supersonica. Lo scarico viene raffreddato per diminuire la quantità di aria ad alta velocità e ad elevata temperatura che viene proiettata verso il basso durante il decollo e può danneggiare i ponti delle portaerei e le piste di decollo.
L'F-35 include un cannone a cinque canne GAU-22/A da 25 mm. Il cannone è montato internamente con 180 colpi nella variante F-35A, mentre nelle altre varianti F-35B e C sarà affiancato da un pod esterno con altri 220 colpi, F-35A: versione di base ad atterraggio e decollo convenzionale destinata all'USAF, per la sostituzione della flotta di F-16 e A-10 Thunderbolt II, ed altri acquirenti tra cui l'Aeronautica Militare italiana. Questa è la versione più piccola e più leggera, ed è l'unica a montare un cannone interno GAU-12 Equalizer da 25 mm che sostituirà l'M61 Vulcan da 20 mm finora montato su tutti i caccia dell'USAF dal F-104 Starfighter in poi. F-35B: versione a decollo corto e atterraggio verticale (STOVL). Questa versione era destinata in particolar modo al Corpo dei Marines, alla Royal Navy, alla RAF, alla Marina Militare Italiana ed all'Aeronautica Militare italiana, ma la sua produzione non è ancora certa a causa di problemi tecnico-finanziari. F-35C: versione imbarcata del Lightning, operante da portaerei tutto-ponte dotate di catapulta. Dovrebbe sostituire nella US Navy le prime versioni degli F-18 Hornet, mentre la Royal Navy sta valutando se adottarla al posto della travagliata versione F-35B.
Oltre agli Stati Uniti, il principale cliente e finanziatore, hanno contribuito anche Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Canada, Turchia, Australia, Norvegia e Danimarca.
Il Regno Unito è l'unico partner di "livello 1", con un contributo di 2,5 miliardi di dollari, pari al 10% dei costi di sviluppo.
I partner di "livello 2" sono l'Italia, che contribuisce con 1 miliardo $ e i Paesi Bassi con un contributo di 800 milioni $.
I partner di "livello 3" sono Canada (440 milioni di $), Turchia (175 milioni di $), Australia (144 milioni di $), Norvegia (122 milioni di $) e Danimarca (110 milioni di $).
Israele e Singapore partecipano al programma in qualità di "Security Cooperative Partecipants".


Lockheed Martin F-35 Lightning II
Lockheed Martin F-35 Lightning II

Contenuti

* Sezione indipendente con grafica non aggiornata
G+ FB TW whatsapp
Cerca
Parola:
filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.