FILOWEB.IT

 
HOME Gallery Quadernino Roberto Contatti
 

Ultimi Inseriti e Suggeriti

Luoghi

Luoghi:Spello


Luoghi:Spello
Spello
Ricette

Ricette:Xiu-Mai Ravioli di Gamberi


Ricette:Xiu-Mai Ravioli di Gamberi
Xiu-Mai Ravioli di Gamberi
Magazine

Magazine:Polarizzazione del web


Magazine:Polarizzazione del web
Polarizzazione del web
Gallery

Gallery:Primavera 2017


Gallery:Primavera 2017
Primavera 2017(83)
Aerei

Aerei:Aerospatiale Alouette III - Sud-Aviation SA 316


Aerei:Aerospatiale Alouette III - Sud-Aviation SA 316
Aerospatiale Alouette III - Sud-Aviation SA 316
Curiosità

Curiosità:Entanglement quantistico


L'entanglement quantistico è un fenomeno quantistico, in cui ogni stato quantico di un insieme di due o più sistemi fisici dipende dallo stato di ciascun sistema.
E’ possibile per una particella interagire con un’altra di maniera che lo stato quantico delle due formi un singolo stato "intrecciato" o "fuso" (entangled). Uno stato entangled è uno stato che non è interamente indipendente da altri stati, ma ne dipende in qualche modo. A causa di questa dipendenza, è un errore considerare ciascuno stato come isolato dagli altri: dobbiamo combinarli e trattare il risultato come un singolo stato.
Ad esempio, un raggio di luce è composto da un flusso di fotoni. La direzione del campo elettrico della luce è detta la sua direzione di polarizzazione. La direzione di polarizzazione di un fotone può formare qualsiasi angolo, ad esempio “verticale” o “orizzontale“. E’ possibile generare una coppia di fotoni entangled se, per esempio, un cristallo viene irradiato da un laser. In questo caso un singolo fotone può dividersi per diventarne due. Ciascun fotone prodotto in questa maniera avà sempre una polarizzazione ortogonale a quella dell’altro: ad esempio, se un fotone ha polarizzazione verticale allora l’altro dovrà avere polarizzazione orizzontale (questo per la conservazione del momento angolare: il momento angolare del sistema prima della divisione deve essere uguale al momento angolare del sistema dopo la divisione).
Quindi, se due persone ricevono ciascuno uno dei due fotoni entangled e ne misurano la polarizzazione, scoprono che quella del fotone ricevuto dall’ altra persona sarà ortogonale a quella del proprio. Sembrerebbe esserci un’apparente connessione fra le particelle, che prescinde dalla loro distanza.
In altre parole, la misura della proprietà è dipendente dal tipo di osservazione effettuato sull’altra particella entangled: c’è una connessione istantanea fra le particelle. 
Il segreto per analizzare sistemi di tipo entangled è non considerare più una Funzione d’Onda per una singola particella, ma una Funzione d’Onda per l’intero sistema.

Entanglement quantistico

Contenuti

* Sezione indipendente con grafica non aggiornata
Sitemap

FB TW G+

Bufale online

Parlare o scrivere con l'intento di informare è un atto di responsabilità.
Grazie all'uso del web per diffondere messaggi è esplosa la produzione di contenuti in quanto comunicare è diventato più facile e veloce. Basti pensare che sono state prodotte più informazioni negli ultimi trent'anni rispetto che agli ultimi 5000. Ma quante tra queste informazioni sono utili allo sviluppo della società?
Tra i rischi presentati nel rapporto "Global risks 2013", uno dei primi rischi che viene presentato come tale è la "digital wildfires" (la pubblicazione di false informazioni o fuorvianti).
Internet è piena di cretini, truffatori e pseudoscienziati che senza alcuna conoscenza specifica, o addirittura alcuna conoscenza, diffondono bufale, spacciandole come verità assolute frutto di una ricerca indipendente e si credono custodi di un segreto che pochi conoscono.
Contro i questi cretini l'unica salvezza è avere un minimo di conoscenze, per cui studiare e leggere (testi specifici sull'argomento scritti da università, centri di ricerca o pubblicazioni scientifiche) e ci si vacinerà da bufale e pseudoscienze, altrimenti si continuerò a crede ai ciarlatani o alle bufale solo perché sembrano convincenti.
Da un punto di vista culturale le bufale rappresentano una sconfitta per tutta la società: se così tante persone ci cascano è evidente che manca la cultura, la capacità di critica e di analisi basilare e questo porta, inevitabilmente ad una perdita di fiducia in internet come mezzo di informazione e cultura.
Infine vi siete mai chiesti perché si chiamano bufale?
Secondo l'accademia della Crusca, deriva da "menare per il naso come una bufala", cioè prendere l'interlocutore per il naso e portarlo in giro come si fa coi buoi, dato che è questo in fin dei conti che succede: si viene presi per il naso da degli idioti da delle menti a volte inferiori alle nostre.
..Leggi
 
(c) 2017 filoweb.it
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte